ARTICOLO DI REVISIONE -NEUROCHIRURGIA GENERALE

Il significato della pressione intra-addominale in neurochirurgia e nelle malattie neurologiche: una revisione narrativa e una proposta concettuale

La pressione intra-addominale (IAP) è definita come la pressione allo stato stazionario all'interno della cavità addominale.

Condividi

Astratto

La pressione intra-addominale (IAP) è definita come la pressione allo stato stazionario all'interno della cavità addominale. La IAP è un parametro fisiologico importante durante gli interventi di neurochirurgia (spinale e cerebrale) in posizione prona. L'incidenza delle complicanze derivanti dall'aumento della IAP, note come ipertensione intra-addominale (IAH) o sindrome del compartimento addominale nei pazienti critici, può essere elevata e il suo impatto può essere significativo. In questa rassegna, riassumiamo come la IAP influisca sul sistema venoso cerebrospinale e sul sistema venoso giugulare attraverso due vie.

Introduzione

L'aumento della pressione intra-addominale (IAP) è riconosciuto come un fattore significativo di disfunzione d'organo in molti pazienti critici. La pressione intra-addominale (IAP) è definita come la pressione allo stato stazionario all'interno della cavità addominale. In condizioni fisiologiche, valori fino a 5 mmHg sono considerati normali negli adulti. Tuttavia, in condizioni come l'obesità o la gravidanza, la IAP di base può variare da 10 a 15 mmHg.

Figura 1. Il concetto delle due vie. Nella prima via, un aumento della IAP può causare un riflusso attraverso il plesso venoso sacrale e quello vertebrale nel canale spinale. Questo può causare una congestione del sangue venoso nel canale spinale e può provocare un flusso di sangue venoso nel cervello. Nella seconda via, un aumento della IAP può causare un aumento della ITP (pressione intratoracica), che a sua volta determina una contropressione sulle vene giugulari e diminuisce il drenaggio del liquor (liquido cerebrospinale) e del sangue venoso.

Implicazioni per le procedure neurochirurgiche

Il posizionamento corretto è per una procedura operativa agevole e senza complicazioni.

È importante tenerlo presente: in posizione prona è obbligatorio un addome libero per evitare la congestione venosa del campo operatorio.

Un posizionamento inadeguato può portare a incremento della perdita di sangue associato a valori di IAP più elevati.

Aumento della perdita di sangue oscurerà il campo visivo operativo, rendendo la microchirurgia un intervento più difficile.

Un aumento dello IAP può causare una congestione venosa, un aumento della pressione intratoracica, un'ipertensione intracranica nei pazienti con obesità patologica o un rigonfiamento cerebrale durante un intervento di chirurgia della fossa posteriore o di craniotomia sopratentoriale in posizione prona.

Conclusione

L'evidenza suggerisce che l'aumento della IAP può svolgere un ruolo importante durante le procedure neurochirurgiche, nei pazienti affetti da ipertensione intracranica idiopatica (IIH) o, ancora, nelle lesioni cerebrali traumatiche (TBI) e durante la terapia dell'idrocefalo.

La misurazione della IAP potrebbe fornire informazioni rilevanti per migliorare la sicurezza delle procedure chirurgiche nella chirurgia della colonna vertebrale e della fossa posteriore.

La misurazione potrebbe ottimizzare il trattamento dell'ipertensione intracranica idiopatica (IIH), delle lesioni cerebrali traumatiche (TBI) e dell'idrocefalo. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche prospettiche in questo campo.

Studi previsti sulla IAP

Il Dr. van Eijs, anestesista presso l'ETZ di Tilburg, ha presentato una richiesta al MEC (Medical Review Ethics Committee) per uno studio volto a misurare la IAP quando si utilizza il sistema IPS. L'IPS (Inflatable Prone Support) consente il posizionamento ottimale dei pazienti in aria ed è progettato e prodotto da Ergotrics. L'obiettivo è quello di valutare la differenza di pressione intra-addominale (IAP) rispetto al modo attuale di posizionamento prono. Viene misurata tramite un catetere urinario, quando il paziente è in posizione prona.

Vuoi rimanere informato? Iscriviti per tenerti aggiornato.

Seguiteci sui social media: