Studi scientifici

Studi interni

Lo studio SIAP esamina l'effetto dell'utilizzo del supporto gonfiabile per la posizione prona (IPS) di Ergotrics sulla pressione intra-addominale (IAP) durante la chirurgia della colonna vertebrale.

Lo scopo di questo studio è dimostrare che i supporti gonfiabili per la posizione prona (IPS) sono in grado di abbassare la IAP dei pazienti in posizione prona. Quando la posizione del paziente viene modificata in posizione prona, la IAP aumenta a causa della compressione addominale. È stato precedentemente dimostrato che un aumento della IAP è legato a un aumento del sanguinamento. La capacità di ridurre la IAP viene valutata misurando la IAP prima e dopo il gonfiaggio dell'IPS.

In collaborazione con l'UZ Gent, Liantis ha studiato se l'uso di aria compressa e cuscini gonfiabili possa ridurre il carico fisico degli operatori sanitari. Lo studio ha confrontato tre diversi metodi di pronazione: (1) aria compressa e cuscini gonfiabili, (2) tavolo rotante e supporti in schiuma, (3) inclinazione e supporti in schiuma. Sei persone sottoposte a test dovevano spostare un paziente dalla posizione supina a quella prona utilizzando questi tre diversi strumenti. Per ognuno dei tre metodi, è stata misurata la tensione muscolare dei muscoli delle spalle e della parte bassa della schiena del soggetto per verificare quale fosse il metodo meno impegnativo dal punto di vista fisico.

La pronazione con aria compressa ha comportato uno sforzo muscolare significativamente inferiore per i soggetti rispetto agli altri metodi manuali. I cuscini gonfiabili non solo hanno comportato una minore sollecitazione delle spalle, ma questo metodo è stato anche significativamente meno impegnativo per i muscoli della schiena.

In breve: l'uso dell'aria compressa può garantire che i dipendenti del settore assistenziale abbiano meno probabilità di soffrire di lombalgia.

Per mappare il feedback degli utenti di IBO, IPS e Hummingbird, Ergotrics, con il sostegno finanziario di Flanders Innovation & Entrepreneurship, ha organizzato lo studio OPPE (Optimization of the Proning Procedure in Europe).

Allo studio hanno partecipato 10 rinomati ospedali di 5 Paesi: Universitätsspital Zürich, Svizzera; Krankenhaus Wermelskirchen, Germania; Schön Klinink Vogtareuth, Germania; Universitair Ziekenhuis Brussel, Belgio; Akademiska sjukhuset Uppsala, Svezia; Elisabeth-Tweesteden Hospital, Olanda; MC Zuyderland Heerlen, Olanda; Erasmus MC, Olanda; Heilig Geist Hospital Bensheim, Germania; AZ Nikolaas, Belgio.

Studio dei punti di pressione

I punti di pressione sulla pelle aumentano il rischio di ulcere da pressione. Questo studio confronterà la pressione sull'intera superficie della pelle del seno e del bacino quando viene posizionata sull'IPS e su altri sistemi di posizionamento.

Tutti i pazienti sottoposti a interventi chirurgici (di lunga durata) sono a rischio di sviluppare ulcere da pressione. Le ricerche hanno dimostrato che è importante mantenere la pressione al di sotto dei 30 mmHg per prevenire le ulcere da pressione. È generalmente accettato che l'aria determina una migliore ridistribuzione della pressione. Pertanto, è probabile che la ridistribuzione della pressione riduca il rischio associato. Questo studio mostra la ridistribuzione della pressione e identifica le aree di maggiore pressione utilizzando la mappatura della pressione. Verranno confrontati diversi materiali di posizionamento (supporto per prono gonfiabile (IPS) di Ergotrics, cuscino Steffee, Wilson-Frame, cuscini tradizionali riempiti di gel/schiuma, bolster/rotoli) in termini di distribuzione della pressione e aree con la pressione più elevata.

Secondo la revisione pubblicata da Depauw et al. (2019), l'incidenza delle complicanze derivanti dall'aumento della IAP, note come ipertensione intra-addominale (IAH) o sindrome compartimentale addominale nei pazienti critici, può essere elevata e il suo impatto può essere significativo. 

Quanti infermieri soffrono di mal di schiena? Perché le sfide ergonomiche sono così grandi nel settore sanitario? Qual è il costo dell'onere ergonomico nella sanità?
Ergotrics riassume più di 20 pubblicazioni sull'ergonomia nella sanità in un articolo completo. Per una versione breve: guardate il video realizzato da EIT Health ed Ergotrics.

Studi esterni

Dirkes, Dickinson, Havey e O'Brien (2012) sottolineano i vantaggi della ventilazione e del posizionamento prono. Tuttavia, questa procedura comporta anche potenziali rischi e complicazioni, che possono avere conseguenze sia per il paziente che per l'operatore sanitario. Ad esempio, il sollevamento dei pazienti in posizione prona può causare lesioni alla schiena e di altro tipo al personale.

Dirkes, S., Dickinson, S., Havey, R., & OʻBrien, D. (2012). Posizionamento prono. Trimestrale di infermieristica critica35(1), 64-75. https://doi.org/10.1097/cnq.0b013e31823b20c6

Spostare e sollevare i pazienti è parte integrante del lavoro quotidiano di molti operatori sanitari dell'UE, ad esempio con pazienti anziani, obesi o disabili. Tuttavia, una buona tecnica e l'uso coerente di dispositivi di assistenza contribuiscono a ridurre parzialmente i rischi eccessivi.

Lars L. Andersen, MSc, PhD. Disturbi muscoloscheletrici nel settore sanitario. Documento di discussione.

"Nel 2018 Guérin et al hanno pubblicato uno studio prospettico internazionale di prevalenza (studio APRONET) che dimostra che la ventilazione prona è stata utilizzata in 32,9 % di ARDS grave (sindrome da distress respiratorio dell'adulto) ed è stata associata a un basso tasso di complicanze, a un aumento significativo dell'ossigenazione e a una diminuzione della pressione di guida."

Guérin et al. Uno studio prospettico internazionale di prevalenza sulla posizione prona dei pazienti con ARDS: lo studio APRONET (ARDS Prone Position Network).Intensive Care Med. 2018;44:22-37

"Il torace e l'addome sono inesorabilmente legati e devono essere considerati come un'unica unità. Kirkpatrick et al. hanno già suggerito i benefici dei supporti toracopelvici in terapia intensiva in una revisione clinica sull'ipertensione intra-addominale (IAH) e la sua influenza sulla fisiologia della ventilazione prona (PV)".

Kirkpatrick AW, Pelosi P, De Waele JJ e altri: Revisione clinica: Ipertensione intra-addominale: influenza la fisiologia della ventilazione prona. Crit Care 2010; 14: 232. doi: 10.1186/cc9099.

La prof.ssa Sheila Nainan Myatra (2021) ha pubblicato queste dichiarazioni di consenso degli esperti:
Il 97,3% degli esperti concorda sul fatto che "La posizione prona durante la ventilazione meccanica invasiva di C-ARF migliora l'ossigenazione", mentre nessuno è in disaccordo.

Nasa et al. Crit Care (2021) 25:106

Cosa dicono di noi i nostri clienti

"Ora possiamo riposizionare facilmente il paziente da soli. Prima avevamo bisogno di due, a volte tre infermieri. Il vantaggio del Morphemat per il paziente? La sua schiena è sostenuta dal collo alle gambe e non in due punti. Guardate la nostra testimonianza video".
Johan Jespers

Johan Jespers

Infermiere Unità di terapia intensiva

"L'IPV è un super prodotto. Grazie per la vostra bella e pratica soluzione per ventilare comodamente i pazienti in posizione prona".
eg-globe

Squadra di terapia intensiva

AZ St-Maarten Belgio

"Questo metodo è semplice, più ergonomico e più igienico dei modi e dei materiali con cui si ha familiarità oggi. La posizione del paziente era corretta e stabile".
oz-test

Squadra OR

UZ Leuven (Belgio)

"Un giorno questi dispositivi medici diventeranno obbligatori".
eg-globe

Neurochirurgo

UZ Gent (Belgio)

"Con il sistema di posizionamento gonfiabile Ergotrics è possibile lavorare molto più velocemente, in modo più igienico e salutare per il personale, sia quando il paziente viene trasferito in posizione prona che durante il posizionamento stesso".
1620561494075

Prof Robert Pflugmacher,

Universitätsklinikum Bonn (Germania)

"I vantaggi ergonomici dei dispositivi di posizionamento gonfiabili sono chiari. Inoltre, pensiamo che il posizionamento ottimale comporti anche una minore pressione intra-addominale e quindi una minore pressione venosa, migliori condizioni operative e possibilmente meno perdite di sangue intraoperatorie. Indagheremo ulteriormente su questo aspetto".
cliente1

Dr. F. van Eijs, M.D., Ph.D.

Anestesista, ETZ Paesi Bassi

Precedente
Successivo

Vuoi rimanere informato? Iscriviti per tenerti aggiornato.

Seguiteci sui social media: