L'aria compressa e i gonfiabili aiutano a ridurre il mal di schiena nel settore sanitario

Condividi

Di Stephan Tomlow, responsabile Ergonomia di Liantis, fornitore esterno di servizi per la salute e la sicurezza sul lavoro

Molti operatori sanitari alla fine soffrono di disturbi muscoloscheletrici nella parte bassa della schiena e nelle spalle perché spesso devono posizionare e inclinare i pazienti manualmente. Uno studio di UZ Gent e Liantis, il più famoso servizio esterno belga per la salute e la sicurezza sul lavoro, mostra che lo sforzo fisico è notevolmente ridotto quando gli operatori sanitari usano aria compressa per il proning.

Sfondo

In sala operatoria, gli operatori sanitari devono spesso inclinare e posizionare manualmente i pazienti. Questo è il caso, per esempio, della chirurgia in posizione prona, dove un paziente viene posizionato da supino a prono su un supporto. Questa procedura, chiamata "proning", è molto gravosa per la parte bassa della schiena.

Le conseguenze di questo pesante carico fisico sono significative. Può far sì che i dipendenti non lavorino al massimo delle loro capacità, che si assentino per malattia o addirittura che lascino l'organizzazione. Insieme al Ghent University Hospital, Liantis ha studiato se l'uso di aria compressa e cuscini gonfiabili potrebbe ridurre il carico fisico per gli operatori sanitari.

Confronto di tre metodi di proning

Nello studio, abbiamo confrontato tre diversi tipi di pronazione. Sei soggetti dovevano spostare un paziente dalla posizione supina a quella prona in tre modi diversi.

Il primo metodo utilizzava aria compressa e gonfiabili. In questo metodo, il soggetto doveva far rotolare il paziente dal letto al tavolo operatorio tramite una tavola gonfiabile (IBO). Prima, un cuscino gonfiabile (IPS) è stato collocato a livello del torace e del bacino del paziente. Questo cuscino è stato poi gonfiato dopo il proning per completare il posizionamento.

Gli altri metodi erano operazioni manuali. Il secondo metodo richiedeva che il soggetto spostasse il paziente dal letto al tavolo operatorio usando una tavola rotante. Sul tavolo, il paziente è stato inclinato utilizzando dei teli scorrevoli. In seguito, è stato sollevato e sono stati posizionati dei supporti in schiuma sotto il paziente. Infine, nel terzo metodo, doveva far rotolare il paziente dalla posizione supina nel letto sul tavolo operatorio direttamente sui supporti o sul telaio.

In ognuno dei tre metodi, abbiamo misurato il tono muscolare dei muscoli delle spalle e dei muscoli lombari del soggetto per vedere quale metodo fosse il meno impegnativo dal punto di vista fisico.

I cuscini gonfiabili riducono lo sforzo fisico

"Il metodo dell'aria compressa ha comportato un carico muscolare significativamente inferiore per i soggetti del test rispetto agli altri metodi manuali. I cuscini gonfiabili non solo hanno causato meno sforzi alle spalle, ma questo metodo è stato anche significativamente meno stressante per i muscoli della schiena.

-Stephan Tomlow, Responsabile Ergonomia di Liantis (fornitore di servizi esterni per la salute e la sicurezza sul lavoro)

In breve: evitare la movimentazione manuale può garantire che i dipendenti nel settore dell'assistenza abbiano meno probabilità di soffrire di dolori lombari.

Importanza di questa ricerca

Allora qual è l'importanza di questo tipo di ricerca? Filip Buckens, ergonomista all'ospedale universitario di Ghent, spiega che questa ricerca è preziosa per diverse ragioni:

"Innanzitutto, i risultati indicano chiaramente che certe tecniche manuali devono essere bandite dalla sala operatoria. Sono troppo stressanti per gli operatori sanitari e ci sono buone alternative disponibili per evitare questo stress fisico".

"Se si vuole convertire in pratica una teoria basata sulla sensazione viscerale, occorrono risultati che confermino la teoria in bianco e nero. Se si vuole convincere i chirurghi a utilizzare questa nuova tecnica nella loro sala operatoria, è necessario ottenere risultati positivi. E questo è certamente il caso di questo studio. Il valore aggiunto dell'uso dei cuscini d'aria è davvero dimostrato dallo studio qui presentato".

-Filip Buckens, ergonomista dell'ospedale universitario di Gand

 

Stephan Tomlow, responsabile Ergonomia di Liantis, fornitore esterno di servizi per la salute e la sicurezza sul lavoro

Vuoi rimanere informato? Iscriviti per tenerti aggiornato.

Seguiteci sui social media: