Ergotrics in "Artsenkrant" (rivista per medici)

Condividi

"Come neurochirurgo, dovevo affrontare ogni giorno il problema di sollevare i pazienti sul tavolo operatorio e di posizionarli correttamente in posizione prona per evitare emorragie e complicazioni", spiega il dottor Paul Depauw (50). "Ma il passo dall'idea di utilizzare l'aria compressa all'introduzione di un nuovo strumento ergonomico nel settore sanitario è una maratona. Fortunatamente, tra i dirigenti del settore sanitario sta crescendo la consapevolezza che l'ergonomia dovrebbe essere un obiettivo fondamentale."

Il dottor Depauw ricorda come gli è venuta l'idea di lavorare con l'aria compressa: "L'aria compressa è disponibile in una sala operatoria, ma la gente non la usava per sollevare e inclinare, a differenza di quanto accade nell'edilizia o nelle fabbriche. Ho ancora sul mio cellulare il video di come un camion ribaltato è stato rimesso sulle ruote usando cuscini ad aria compressa. Poi mi è venuto in mente: perché non usiamo qualcosa di simile nella sanità?".

 

Maratona
Il neurochirurgo prosegue: "Ogni medico ha a volte delle idee, ma non tutti hanno il tempo o l'interesse di portarle avanti. Come chirurghi, siamo artigiani: abbiamo contatti delineati e cerchiamo di risolvere il problema del paziente. Ma tra un'idea e il lancio di un'innovazione sul mercato, bisogna avere un certo spirito imprenditoriale e la volontà di rischiare. La mia invenzione può sembrare un'idea semplice, ma il passaggio a un prodotto, per non parlare di un'azienda, è tutta un'altra cosa! Non ho mai ricevuto una formazione come sviluppatore o manager di prodotto".

"Ho iniziato a pensare nel 2009: come possiamo risolvere o migliorare questo aspetto? Poi, nel 2014, ho fondato la società. Ma c'è voluto ancora un po' di tempo prima di avere un prototipo stabile. Ho depositato i brevetti e ho iniziato a fare dei test. Allo stesso tempo ho pensato di mettere questo prodotto a disposizione di altri operatori sanitari. "È stato allora che Inge Bruynooghe (ex top woman di Philips) è entrata a far parte dell'azienda come CEO". Ancora il dottor Depauw: "La cronologia mostra il motivo per cui definisco questo viaggio una maratona. A posteriori, si può dire: perché non mi è venuta questa idea? Sarò anche un testardo che si dà da fare, ma questo non fa di me un leader aziendale. Inge e il team sono molto più preparati in questo senso".

 

Responsabilità
L'importanza dell'ergonomia è fondamentale per la storia di Ergotrics. "È molto strano che la sanità sia uno degli ultimi settori a prestare attenzione all'ergonomia. Non esiste un obbligo legale di fornire strumenti sul posto di lavoro. Esistono linee guida internazionali, ma non sono molto conosciute. Le direzioni e i consigli di amministrazione degli ospedali vi prestano sempre più attenzione, anche perché il personale è diventato così prezioso! "

Il dottor Depauw solleva due questioni rilevanti. Secondo l'Istituto statunitense per la sicurezza e la salute sul lavoro, un'infermiera donna dovrebbe sollevare solo 17 kg, un collega uomo 22 kg. "Io lavoro nei Paesi Bassi (presso il Neurosurgical Science Centre di Tilburg), dove un paziente pesa in media dagli 80 ai 120 chilogrammi. L'équipe deve sollevare questi pazienti sul tavolo operatorio e ripetere questa azione più volte al giorno. Non ci si deve stupire se gli infermieri soffrono di mal di schiena o abbandonano il lavoro dopo un po' di tempo". In Inghilterra, hanno calcolato che l'implementazione di un sistema ergonomico politica di non sollevamento costerebbe solo da 0,2 a 0,3% del budget annuale di un ospedale. Il Royal College of Nursing stima che il mantenimento di una simile politica per tre anni porterebbe a una riduzione di 50% delle assenze per malattia del personale dovute a disturbi muscoloscheletrici! "Sulla base della convinzione che i nostri prodotti possano dare un contributo utile, vogliamo sensibilizzare ulteriormente i dirigenti e i consigli di amministrazione degli ospedali in materia di ergonomia. Dopo tutto, è anche una loro responsabilità in quanto datori di lavoro".

 

Premio di design
La gamma di prodotti di questi gonfiabili per la sanità da allora si è espansa parecchio, sottolinea l'amministratore delegato. "Abbiamo ricevuto molto rapidamente la richiesta da parte del settore sanitario di realizzare altri prodotti. Per esempio, stiamo valutando la possibilità di diversificare i nostri prodotti unisex per i pazienti di sesso femminile. Ma all'inizio della pandemia di covirus, abbiamo iniziato a produrre supporti per la ventilazione prona dei pazienti con corona".

Nel frattempo, uno dei prodotti (il Morphemat) è stato insignito del premio di design Henry van de Velde e il suo lancio sul mercato statunitense è imminente. "Un premio del genere dà energia. Anche la notifica della FDA è una pietra miliare importante".

Un aneddoto riassume al meglio la storia di Ergotrics. Dottor Paul: "Quando ho detto a due giovani infermiere che ero l'inventore di quei cuscini gonfiabili, mi hanno risposto molto laconicamente: In quale altro modo lo faresti? Il nostro strumento low-tech può sembrare molto banale, ma una volta che ci si abitua, non si vuole più sollevare senza".

Erik Brusten

Vuoi rimanere informato? Iscriviti per tenerti aggiornato.

Seguiteci sui social media: